06 giugno 2019

Buon compleanno, design italiano!

Il 2019 è un anno ricco di festeggiamenti per il design italiano: molte, infatti, le aziende che hanno spento le candeline e celebrato gli anni con edizioni speciali, allestimenti scenografici e mostre immersive.

Kartell, 70 anni

70 anni di evoluzioni e cambiamenti narrati attraverso un percorso in cui poter ammirare iconici “prodotti” dell’azienda, insieme a fotografie, opere teatrali e d'arte che hanno ispirato i suoi designer. Così, Kartell ha voluto festeggiare il suo compleanno. “The Art Side of Kartell” è stato l’evento firmato da Ferruccio Laviani con Rita Selvaggio che ha unito i linguaggi del design, della fotografia, dell’arte e del cinema per raccontare il “mondo di plastica” dell’azienda. Allestita lo scorso aprile a Palazzo Reale, la mostra ha ben illustrato quel costante e proficuo dialogo tra arte e design che il marchio ha saputo alimentare in questi 70 anni; un percorso espositivo in undici stanze ciascuna con una forte personalità. Immersiva e vibrante, la mostra presentava oggetti, installazioni, materiali d’archivio, immagini, documenti, prototipi, nuove commissioni e prodotti che hanno fissato l’azienda nell’immaginario collettivo: il tutto attraverso associazioni visive e semantiche. “The Art Side of Kartell” ha raccontato, così, la storia dell’azienda non tanto in una prospettiva storica, ma da un punto di vista artistico, sottolineando con quali modalità e forme il design si è intrecciato con l’arte.

www.kartell.com

minotticucine, 70 anni

Anche minotticucine è arrivata a questo importante anniversario e l’ha celebrato con una serata-tributo al Maestro AG Fronzoni nel proprio showroom milanese. Fronzoni disegnò l’attuale logo aziendale nel 2001. La sua filosofia si sposava perfettamente con quella del marchio: il celebre principio Less is more, coniato da Mies van der Rohe, rappresenta, infatti, la base di partenza per ogni progetto dell’azienda che dà forma al credo del “silenzio visivo” di Alberto Minotti. Durante la serata di celebrazioni, si sono alternati al microfono per raccontare il proprio, personale, approccio agli insegnamenti del Maestro: Myrna Cohen, Massimo Curzi, Ester Manitto, Clara Pozzetti e Claudio Silvestrin. Nel frattempo, un enorme ledscreen in affaccio su Via Larga raccontava il Maestro attraverso sue citazioni e ricordi diretti di chi lo ha conosciuto, alternando immagini legate alla storia dell’azienda. Ma forse il modo migliore per sugellare un percorso fatto di sacrifici, passione, cadute e successi è stata l’inaugurazione di due showroom in India, a Mumbai e Nuova Delhi.

www.minotticucine.it

Natuzzi, 60 anni.

Ispirazione, devozione e gratitudine: questi i temi su cui si sviluppa il progetto celebrativo dei 60 anni di Natuzzi. In particolare, la collezione presentata al Salone del Mobile.Milano guardava alla Madre Terra, allo spirito e all’unicità della Puglia, dove nel 1959 Pasquale Natuzzi ha avviato un lungo percorso nel mondo dell’arredo. Oggi, quei luoghi, in cui tutto ha avuto origine, danno vita a prodotti che vogliono essere belli ma soprattutto “buoni”. Per questo anniversario, infatti, si è lavorato sulla sostenibilità, racconta Pasquale Junior Natuzzi. L’azienda ha lavorato sulla filiera, cercando partner e soluzioni il più possibile green. Un percorso intrapreso insieme a Ross Lovegrove che disegna forme archetipiche e primordiali in cui etica ed estetica coincidono.

www.natuzzi.com

IPE, 60 anni. Visionnaire, 15 anni

Un libro, una mostra e tante novità: così, IPE ha deciso di festeggiare non uno, ma ben due anniversari. Quello dell’azienda che spegne 60 candeline e quello del suo brand esclusivo, Visionnaire, che si appresta a compiere 15 anni. L’avvio delle celebrazioni è avvenuto in occasione della 58a edizione del Salone del Mobile.Milano con alcuni eventi in Fiera e in città. A suggello del traguardo raggiunto, la casa madre ha voluto celebrare l’evento con un libro d’autore, in serie numerata. Una pubblicazione-manifesto che presenta i valori fondanti dell’azienda, narra le radici storiche del marchio e la sua attuale identità e traccia le traiettorie per il futuro. “Decalogo” è frutto di un lavoro corale: curato da Barbara Brondi & Marco Rainò, è impreziosito da una serie di contenuti, che includono un lavoro fotografico di Delfino Sisto Legnani e gli interventi critici di Felix Burrichter, Leon Sun e Natalia Timascheva. Gli scatti di Legnani, ispirati dai dieci valori del “decalogo” e organizzati in una sequenza di poetici dittici, sono stati anche protagonisti di una personale nello spazio Wunderkammer del Flagship Store Visionnaire di Milano. Infine, il tributo a questo doppio compleanno si è materializzato nella nuova collezione Anniversary di Visionnaire con oltre ottanta prodotti ideati per progetti residenziali “In & Out” e uso Contract.

www.ipe.it
​​​​​​​www.visionnaire-home.com

Living Divani, 50 anni

I 50 anni di Living Divani rappresentano la vita di una famiglia. Quella dei Bestetti: Luigi e Renata che si sposano e la fondano agli albori degli anni Settanta, e Carola, nata da quella unione e oggi alla sua guida, insieme ai genitori. Perseveranza, impegno, un pizzico di scaramanzia, e una vera e propria fissazione per il design contemporaneo di qualità sono i mantra dell’azienda. Fin dagli albori, i suoi segni distintivi sono silhouette precise, una palette cromatica selezionata, un senso di energia e libertà impresse nel brand da Piero Lissoni, Art Director, che quest’anno festeggia i 30 anni di collaborazione. Per celebrare il duplice anniversario, il progettista ha allestito, negli spazi storici di Palazzo Crivelli a Milano, un labirinto di specchi in cui è stata presentata “The Uncollected Collection”, collezione in edizione limitata per l’occasione. Riflessi spettacolari, sapienti giochi di ombre e luci: l’atmosfera che si respirava spaziava dall’onirico al tecnologico-futurista per inquadrare da punti di vista sempre diversi i pezzi esposti, tra arte e design. Un allestimento per raccontare la sartorialità del marchio e la sua capacità di tradurre la complessità progettuale in silhouette contemporanee.

www.livingdivani.it

UniFor, 50 anni

Un volume a cura di Fulvio Irace e un’installazione multimediale firmata Ron Gilad per celebrare mezzo secolo di storia aziendale e familiare. Questi i regali speciali che si è fatta UniFor appena varcata la soglia dei 50 anni. Parte del gruppo Molteni&C Dada, l’azienda è gestita dalla terza generazione della famiglia che ama definirla una smart factory altamente specializzata, sempre pronta a raccogliere le sfide progettuali e a collaborare con i grandi studi di architettura internazionali. E, in effetti, ne ha tante di cose da raccontare, UniFor. A partire dai 4 Compasso d’Oro e dalla schiera di maestri e premi Pritzker con cui ha collaborato (Foster + Partners, Jean Nouvel, Aldo Rossi, Álvaro Siza). Così, in Una vocazione per l’architettura edito da Skira, lo storico Fulvio Irace rievoca l’itinerario del marchio, raccogliendo testimonianze, progetti e documenti inediti come il disegno della poltrona Parigi di Aldo Rossi, arredo icona dell’azienda. Mentre negli spazi della Pinacoteca di Brera e dell’Accademia di Belle Arti, Ron Gilad ha messo in connessione la cultura industriale di UniFor con i valori educativi dell'Accademia: un dialogo quasi visionario tra il patrimonio storico del brand e il museo simbolo della cultura.

www.unifor.it

#anniversario, #Kartell, #minotticucine, #Living Divani, #Natuzzi, #IPE, #Visionnaire, #Unifor, #mostra, #evento, #celebrazione, #libro, #edizione limitata, #edizione speciale, #Ferruccio Laviani, #The Art Side of Kartell, #AG Fronzoni, #Alberto Minotti, #minimalismo, #Pasquale Natuzzi, #Ross Lovegrove, #sostenibilità, #Manifesto, #Delfino Sisto Legnani, #Bestetti, #Piero Lissoni, #The Uncollected Collection, #arte, #Ron Gilad, #Fulvio Irace, #Molteni&C Dada, #Compasso d'Oro, #Foster + Partners, #Jean Nouvel, #Aldo Rossi, #Álvaro Siza, #Pinacoteca di Brera