31 marzo 2020

I colori di Van Eyck e il design moderno

Qual è l'origine del colore? Come nasce? Qual è il suo impatto emotivo? Il 2020 è l'anno di Van Eyck e il Design Museum di Gand sceglie di celebrarlo con un’affascinante mostra sull'uso innovativo e diversificato del colore. Si parte dalla ricchezza senza precedenti delle sfumature create dal pittore fiammingo per poi concentrarsi e riflettere sul significato delle cromie per i designer contemporanei.

Attraverso l'utilizzo di pittura a olio e giochi di trasparenze ottenute dalla sovrapposizione di differenti nuance, Van Eyck riusciva a ottenere sfumature morbidissime e un’ampia gamma cromatica. Da qui, l’ispirazione di Kleureyck. Van Eyck’s Colours in Design che mette in scena un inedito dialogo a posteriori con il pittore di Bruges: non artisti ma designer di oggi sono chiamati a testimoniare le loro sperimentazioni con tinte, materiali e giochi di luce, lavorando per analogia con i colori del maestro belga.

Barlumi e trasparenze, sfumature e saturazioni prendono, così, nuovo corpo nei progetti di designer fiamminghi e internazionali da ammirare in tre tappe.

Nella Pigment Walk otto installazioni, ciascuna dedicata a un colore diverso, raccolgono circa 100 oggetti che vanno dagli arredi alle ceramiche, dai tessuti al vetro. Mentre ammiriamo l'attenzione di Van Eyck per l'azione della luce su superfici e materiali, siamo spinti a chiederci come il colore influenzi le nostre vite. In questa sezione, i curatori hanno selezionato le opere di progettisti affermati e giovani talenti tra cui Tinus Vermeersch, OrtaMiklos, Michael Johansson, Muller Van Severen, Anton Alvarez, Nendo, Sigve Knutson, Ronan & Erwan Bouroullec, OS & OOS, Klaas Rommelaere e Stéphane Mouflette. A questi, si aggiungono disegni di Ettore Sottsass, Wim Goes, Sophie Rowley, Wieki Somers, Barbara Nanning e Unfold che fanno parte della collezione permanente del Museo.

I Research Projects sono, invece, ingegnose sperimentazioni intorno alla natura stessa del colore, tra indagini sulla ricchezza cromatica nascosta nelle ombre e ampolle di cristallo piene di tinture ricavate da erbe e microrganismi. In questa sezione, Hella Jongerius ha collaborato con un produttore di vernici artigianali per Colorful Black, un caleidoscopio di tonalità dark che svela quante sfumature di nero possano esistere. Nienke Hoogvliet ha studiato come ottenere dalle erbe coloranti tessili alternativi. Lynne Brouwer sperimenta il potere del colore sulla psiche umana per rendere spazi oggettivamente brutti e angoscianti (come crematoi e stazioni di polizia) il più possibile confortevoli e tranquillizzanti attraverso l’utilizzo accorto del colore.

Le Experience Rooms offrono un'esperienza ancora più coinvolgente: gli oggetti progettati dagli artisti per 11 stanze a tema reagiscono ai suoni, alle luci e ai tocchi leggeri dei visitatori, per un'immersione multisensoriale totale. La cinestesia colorata di mischer’traxler + Boisbuchet dimostra come il colore possa muoversi e spostarsi. Il progetto di Pinaffo Pluvinage + MADD Bordeaux documenta come possa anche produrre musica: le loro gelatine colorate conducono elettricità ed emettono suoni diversi a seconda di come vengono sfiorate. Il Food Lab della Jan van Eyck Academy si è chiesto come sia possibile mantenere freschi più a lungo gli alimenti e in che modo cromia e gusto del cibo cambiano nel tempo. Lo Studio Rens + Light & Lighting Lab KU Leuven svela come diversi tipi di luce possano modificare i colori. ANIMA di Nick Verstand è un'impressionante proiezione luminosa e sonora. Joanna Reuse ha realizzato una stanza in cui i bambini possono liberare il loro senso della creatività e del colore attraverso un gioco basato sul tatto. L'esperienza immersiva è, infine, in continua evoluzione nella room di Judith Seng: lo spazio viene, infatti, ridipinto giorno dopo giorno con una nuova tonalità.

Insomma, una mostra che è un viaggio alla scoperta dell’arcobaleno nel mondo contemporaneo.

Kleureyck. Van Eyck’s Colours in Design

13 marzo – 6 giugno 2020

Design Museum Gent, Belgio

https://www.designmuseumgent.be/

#Jan van Eyck, #colore, #Design Museum di Gand, #Nendo, #Ronan & Erwan Bouroullec, #Ettore Sottsass, #sperimentazione, #design