27 febbraio 2020

Il nuovo Academy Museum of Motion Pictures di Los Angeles

Decisamente più che un semplice museo. Un centro di documentazione cinematografica in grado di offrire impareggiabili esperienze nel mondo dei film e del fare film. Emozionale, immersivo, culturale, educativo e d’intrattenimento, questo è il nuovissimo Academy Museum of Motion Pictures di Los Angeles, che non poteva che sorgere nella culla e capitale del cinema, la cui prossima totale apertura – il 14 dicembre 2020 – è stata annunciata ufficialmente durante la recente premiazione degli Oscar da Tom Hanks, uno dei fiduciari del museo. Presentato come la prima istituzione al mondo dedicata a esplorare l’arte e la scienza del cinema, la sua realizzazione è stata promossa proprio dall’Academy, la prestigiosa istituzione che ogni anno a febbraio conferisce i più ambiti riconoscimenti cinematografici a livello mondiale. Il progetto architettonico affidato allo studio Renzo Piano Building Workshop, selezionato per l’incarico nel maggio 2012, in collaborazione con Gensler in qualità di executive architect, è consistito essenzialmente nel restauro e nell’estensione dello storico May Company Building, risalente al 1939, esempio di architettura Streamline. Ribattezzato Saban Building con i suoi sei piani di altezza è stato utilizzato come centro commerciale per vari decenni fu gravemente danneggiato durante il terremoto del 1987.

Il progetto ha mantenuto viva la struttura originaria caratterizzata dalla facciata angolare con torre cilindrica dorata attualizzandola con una iconica struttura sferica, coperta da una cupola di vetro, ispirata dai dirigibili che negli anni Venti atterravano nel vicino campo di aviazione e adibito a sala cinema con 1000 posti. Il piano terreno è aperto sulla città, mentre l’edifico a cupola è sollevato da terra perché – come afferma l’architetto Renzo Piano – “il cinema è una realtà che fa decollare”. All’ultimo piano dell’edificio una terrazza panoramica offre una vista impareggiabile sulle colline di Hollywood. 28.000 i metri quadri espositivi dove trovano collocazione mostre temporanee – quella inaugurale è dedicata al Maestro del cinema di animazione giapponese Hayao Miyazaki – laboratori e due teatri. Ristoranti, caffè, bookshop e spazi per eventi completano la vita sociale della struttura. Gli appassionati di cinema potranno intraprendere un vero e proprio viaggio nella sua storia attraverso disegni, costumi e vari tipi d’installazione. Oltre 12,5 milioni le fotografie, 137.000 i film e video, 85.000 sceneggiature, 65.500 i poster, più di 1700 collezioni di film, oltre 5000 oggetti, abiti, accessori e memorabilia. Tra i tanti pezzi cult il mantello di Dracula indossato da Bela Lugosi nell’omonimo film (1931), l’abito di Marlene Dietrich in Venere bionda (1932), il cappellino di Debbie Reynolds in Cantando sotto la pioggia (1952), la giacca viola indossata da Jack Nicholson in Shining (1980). Un centro cinematografico all’avanguardia, dunque, un vero e proprio omaggio alla settima arte.

Academy Museum of Motion Pictures

6067 Wilshire Blvd
Los Angeles, Ca 90036

www.academymuseum.org

#Renzo Piano, #architettura, #museo, #cinema, #RPBW