19 settembre 2018

In Russia, il grattacielo dei record

Completato a giugno e progettato dal famoso studio RMJM, il Lakhta Centre di San Pietroburgo è un grattacielo da record.

Non solo è l'edificio più alto della Russia e d'Europa (462 metri) ma anche, con i suoi 87 piani, il 13° grattacielo più alto del mondo e il più a nord del pianeta. Last but not least, la sua struttura a guglia affusolata presenta rotazione di 90 gradi dalla fondazione alla punta, che possiamo definire come la più ardita in assoluto in un edificio di questo tipo, seconda solo ai 120 gradi della Shanghai Tower.

Ma i record non finiscono qui. Dal momento che a 400 metri di altezza, a San Pietroburgo, il vento può sfiorare i 140 km orari, le fondamenta sono state poste a una profondità estrema di 82 metri per meglio ancorare la colossale torre e fornire basi stabili. La facciata è formata da ben 16.500 pezzi di vetro curvo, ed è dotata di un sistema automatizzato di valvole e serramenti che rendono la torre altamente efficiente dal punto di vista energetico. Infine, il punto di osservazione aperto al pubblico è situato a oltre 360 metri e proprio qui è prevista l'apertura di un ristorante che sarà il più alto d'Europa.

Tutto ciò fa del Lakhta Centre l’ottava Meraviglia del Mondo? Non proprio, ma quasi.

L’edificio è un moderno centro business, progettato su larga scala, nel distretto Primorskij di San Pietroburgo, in cui hanno trovato sede un’ampia gamma di esercizi pubblici e un'infrastruttura di trasporto ben sviluppata. Il Lakhta Centre è un progetto pilota che ha come obiettivo lo sviluppo integrato di una vasta area urbana e la realizzazione di una piccola città alla periferia di San Pietroburgo che possa diventare un distretto sostenibile per la vita e il lavoro. Due terzi dello spazio riservato agli uffici sono occupati dal nuovo headquarter di Gazprom, che, solo in questa sede, darà lavoro a ben 8.000 persone. Un terzo del complesso è a disposizione delle autorità pubbliche, e ospiterà un centro per la scienza e l'istruzione, un planetario, una sala da concerto, un anfiteatro e diversi spazi aperti al pubblico.

Il Lakhta Centre è il risultato di un concorso internazionale di architettura coordinato da Gazprom nel 2006 e vinto dallo studio RMJM (con Tony Kettle come Design Director) che ha proposto un progetto conforme alle funzioni richieste dal futuro quartier generale di una grande azienda energetica e in linea con le tradizioni architettoniche di San Pietroburgo che, alle origini, è stata concepita come una città orizzontale. La pianura su cui sorge, infatti, richiedeva edifici di altezza relativamente simile con poche costruzioni molto alte atte a sottolineare alcuni punti cruciali. La guglia della Fortezza di Pietro e Paolo, l'Ammiragliato, la cupola della Cattedrale di Sant'Isacco sono veri e propri simboli della città, circondati da complessi architettonici. Il Lakhta Centre sorge, così, su ex aree industriali e aree non costruite in precedenza. Situato sulla costa del Golfo di Finlandia, grazie alla distanza dagli edifici storici, il grattacielo non compete in alcun modo con i punti di riferimento tradizionali della città ma è un polo di attrazione per lo sviluppo del nuovo distretto.

Il design del complesso riecheggia i principali motivi architettonici di San Pietroburgo: una guglia solitaria sovrasta un paesaggio orizzontale e diversi edifici inclinati di varie proporzioni, posti alla base, richiamano lo scafo di una nave creando un fil rouge marittimo enfatizzato da strutture portanti ondulate. La forma organica dell'edificio simboleggia la forza dell'acqua, il flusso dello spazio, l'apertura e la leggerezza. L'effetto “a caduta libera” e di fusione del complesso con l'ambiente sono valorizzati dalla particolare tipologia di vetro, grazie al quale la torre cambia colore dando la sensazione di essere al cospetto di un essere vivente.

Compito dell'architetto è stato quello di implementare il progetto di un grattacielo ultramoderno in una città con un ricco contesto culturale e storico Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. Tony Kettle, l'autore del concept architettonico ha dichiarato: "Le forme fluenti dell'acqua, le guglie scintillanti della cattedrale di Pietro e Paolo, le dimensioni della tela del cielo sopra la grana orizzontale: la mia idea è stata quella di creare qualcosa che fosse leggero ed elegante come le forme storiche, catturando i cambiamenti della luce del giorno in modo simile a quanto fanno le cupole e le guglie dorate”. E ha aggiunto: "La torre è stata progettata come una semplice guglia organica con un movimento asimmetrico insito nella sua stessa 'pelle' per farla diventare un singolare punto di riferimento della scala urbana. Alla base della semplice eleganza del suo esterno ci sono in realtà cinque torri dall'andamento avvolgente, ciascuna con la propria pelle di vetro lucido. Le torri si uniscono e si assottigliano attorno a un nucleo circolare che si assottiglia a sua volta gradualmente, avvolto da un'ulteriore rivestimento isolante.”

Un anfiteatro che domina l'acqua
Il design dell'anfiteatro, l'unico in città, è stato imposto dalle caratteristiche paesaggistiche del sito. Un dislivello naturale di 13 metri rispetto al livello del mare è stato trasformato da architetti e designer in un particolare "Colosseo" per spettacoli acquatici. L'anfiteatro è rivolto verso il golfo cosicché il palcoscenico possa essere sia l'acqua sia l'area lungo la costa. La capacità massima è di 2.000 spettatori.

Atrio, spazi commerciali, aree espositive
L'area dedicata ai negozi è situata al piano terra del complesso. L'area espositiva è disposta nella parte sud dell'edificio con un atrio che copre una superficie di 1.500 mq. Qui verranno realizzate mostre permanenti e temporanee e si trova anche una sala multimediale. E’ inoltre previsto uno spazio aperto per esporre oggetti d'arte, sculture e installazioni nella piazza nord del complesso.

Museo della Scienza per bambini
Il centro di apprendimento dedicato ai bambini (7.000 mq) è stato realizzato seguendo modelli in uso in altre parti del mondo per istituzioni simili, in cooperazione con le principali università di San Pietroburgo e sarà integrato nel sistema generale dell'istruzione. Qui, i bambini di tutte le età saranno in grado di studiare vari fenomeni naturali, fisici, chimici e tanto altro ancora.

Sala multifunzionale
È il primo auditorium modificabile di San Pietroburgo che può essere suddiviso in due sale più piccole e trasformato per ospitare diversi tipi di evento. La disposizione dei posti a sedere (494), le dimensioni e la configurazione del palco possono essere anch’essi adeguati alle esigenze. Al suo interno, si terranno concerti, spettacoli teatrali, spettacoli sul ghiaccio, sfilate di moda, conferenze… . La sala può diventare un'arena per spettacoli su ghiaccio che può essere utilizzata come pista di pattinaggio libero quando non ci sono eventi in corso.

Centro medico
Un centro multidisciplinare di cura e diagnostica (2.500 mq) comprende sale per diverse terapie e diagnostica per immagini di vario tipo: odontoiatria, radiologia, chirurgia etc. Il centro utilizzerà apparecchiature d'avanguardia e contribuirà a colmare una carenza di centri medici di alta qualità e ambulatori ospedalieri per bambini nel distretto Primorskij.

Complesso sportivo
Un'area di 4.600 mq è dedicata al centro per il miglioramento della salute e il relax e comprende piscina, palestre e un centro fitness.

Centro di coworking
È in fase di sviluppo un'area destinata al co-working caratterizzata da un design esclusivo.