12 marzo 2020

Aspettando il Salone Internazionale del Bagno

Quando l’acqua incontra il design, la sala da bagno diventa un magnifico rifugio. Sempre più di tendenza, dal design accattivante, più performanti e tecnologici, i prodotti in mostra al Salone Internazionale del Bagno rifletteranno la continua evoluzione di questo spazio che si fa sempre più digitale, efficiente e green oriented senza tralasciare la componente edonistica ed emozionale propria di questo spazio.

Vero trend consolidato, l’innovazione tecnologica sarà, sempre più, amica del comfort e dell’efficienza: al servizio del benessere e della salute, esaudirà i desideri di chi ricerca relax e un momento di perfetta, intima pace.

Domotica e dispositivi digitali sono ormai, infatti, in grado di trasformare la stanza al semplice tocco in base a ogni necessità. Sono già in realtà sistemi di riconoscimento facciale che regolano automaticamente la temperatura dell’acqua, la quantità di luce e persino il tipo di musica a seconda della persona che entra nella stanza; vasche da bagno che si riempiono da sole a un orario prestabilito o quando ricevono un input dallo smartphone, portando l’acqua al livello e alla temperatura ideali; specchi che consentono di collegarsi direttamente al telefono cellulare e su cui, in futuro, si potrebbero leggere le notizie, controllare il meteo o guardare la TV. E c’è chi fa un ulteriore passo in avanti, immaginando smart mirror in grado di monitorare la salute di chi si specchia e trasmettendo le informazioni pertinenti al medico di riferimento.

E ancora. Grazie alla tecnologia, le rubinetterie di ultima generazione consentiranno una perfetta regolazione della percentuale di acqua calda e fredda e, se dotate di un regolatore dinamico di portata, consentiranno la riduzione dei consumi fino al 50%. Esistono già docce a ricircolo digitale che purificano, riscaldano e utilizzano acqua riciclata tramite un circuito chiuso e che, dunque, promettono un risparmio fino al 90% di acqua e fino all'80% di energia. E sono in via di progettazione docce digitalizzate con funzionalità di attivazione vocale che possono essere avviate da remoto e possono essere dotate di TV impermeabile.

E il design come si sta evolvendo? Poche finiture abbinate tono su tono, struttura essenziale a vista, grande spazio alle geometrie: un design pulito ed essenziale che esalta forme, colori, materiali e texture. Lavabi, complementi di arredo e mobili confermano la tendenza generale alla customizzazione. Sanitari e rubinetterie saranno sempre più minimali, rigorosi, dai tratti quasi matematici e dagli spessori ridotti. Gli specchi faranno da co-star: il mix and match di forme sostituirà il grande specchio circolare in voga da qualche tempo; arriveranno pareti fatte di specchi con forme che ricordano gli origami; specchi con mensole, porta-salviette e sensore di illuminazione e specchi con luce integrata sempre più emozionale. Continuerà la propensione verso nuance delicate ma spunteranno anche colori pieni in tinta unita, vivacizzati da linee decise a contrasto.

Se le possibilità tecnologiche sembrano e sono infinite, il bagno del futuro sarà davvero bello ma soprattutto non perderà la sua componente emozionale: rimarrà la stanza dedicata al sé, dove ritrovare l’equilibrio tra corpo, mente e spirito.

#Salone Internazionale del Bagno, #tendenze bagno, #innovazione, #tecnologia, #domotica