15 aprile 2020

S.Project, una design jam ad alto contenuto innovativo

Il ritmo con cui cambia il mondo – in termini sociali, valoriali e tecnologici – influenza anche tutti gli aspetti della progettazione. L’intercettazione delle evoluzioni attuali, la previsione di quelle future e il loro racconto sono di vitale importanza per chi, interpretando i bisogni, le richieste e i desiderata della società contemporanea, è chiamato a organizzare gli spazi da vivere in modo efficace, funzionale e sostenibile.

Muovendosi tra micro-architettura e macro-design, i progettisti, oggi, cercano, infatti, di dar forma a nuove modalità del vivere, ideando abitazioni che possano risultare age-friendly e inclusive (che si riferiscano quindi a differenti fasce di età e che possano essere adattate in funzione dell'evoluzione dei bisogni relativi all'invecchiamento), a basso impatto ambientale (utilizzando tecnologie e tecniche di costruzione che garantiscano emissioni nette di carbonio pari o vicino allo zero), salutari (che promuovano, cioè, salute e benessere, ad esempio attraverso l'accesso a spazi verdi e aree comuni dedicate a sport e relax), personali ed emozionali (che siano il racconto della nostra storia, dei nostri gusti e del nostro immaginario culturale) e, ovviamente, tecnologiche (perché sempre più dominate dall’IoT (Internet of Things) che trasforma lo spazio privato in una vera e propria piattaforma interattiva).

Per questo, i temi dell’abitare attraversano ampiamente la ricerca del Salone del Mobile.Milano e ne costituiscono campi di riflessione privilegiati per lo sviluppo di nuove proposte e format espositivi che ambiscono a raccontare la complessità del progetto d’interni contemporaneo.

Da qui, la nascita nel 2018 di S.Project, una prospettiva completa e originale sulle soluzioni decorative e tecniche del progetto d’interni e una modalità espositiva liquida e trasversale di prodotti di design. S.Project mette in scena un’eterogeneità di proposte che vanno dall’arredo d’interni all’outdoor, dalle cucine allo IoT e alle soluzioni per la Smart Home, dai prodotti per il wellness ai tessuti, dall’illuminazione alle soluzioni acustiche, dai rivestimenti alle finiture.

In questo spazio espositivo, si possono incontrare proposte di interni che testimoniano una ricerca svolta sia sul lato della sostenibilità sia sul valore estetico di progetti e prodotti; ambienti da esterno che abbattono i confini tra in e out (il terrazzo è la nuova estensione della zona living e dining) e celebrano la biofilia del nostro tempo attraverso l’uso di materiali naturali e all’avanguardia; cucine e bagni basati su concetti innovativi che contribuiscono a rinnovare il comportamento e la ritualità di questi spazi; tecnologie digitali che concorrono a creare la Smart Home. Ricca la proposta di materiali e rivestimenti: superfici nanotecnologiche e agglomerati di ultima generazione vanno in scena accanto ai materiali della tradizione come il legno e il vetro; carte da parati con motivi 3D, optical o ispirati dalla natura fanno da contrappunto a tessuti dalle texture tattili (trame dense e ruvide ma anche lana, viscosa, seta, cotone, lino, fibre naturali e hi-tech a solleticare la pelle e infondere benessere). Non manca la luce che è sempre più tecnologica ed emozionale, cambia con un tocco, si veste di forme organiche o mutevoli.

Insomma, S.Project è davvero un format inedito, una vera e propria design jam per immaginare e raccontare le case di domani.

#design d'interni, #Internet of Things, #materiali, #progetto, #S.Project, #tecnologia, #tendenze arredo