Nati al Satellite

07 ottobre 2019

Anna Strupinskaya

Vive e lavora a Mosca, nel suo studio fondato nel 2013. Ha partecipato all’edizione 2018 del SaloneSatellite Moscow, si è distinta per i suoi progetti e ha vinto il Primo Premio che l’ha portata al SaloneSatellite di Milano 2019. Fra ricerche uniche e prodotti pensati per la serie, le piace affrontare il progetto a 360°, sperimentando materiali, tecniche e modalità di marketing.

Silicone, cemento, corian... sono alcuni dei materiali che hai utilizzato per realizzare i tuoi prodotti. Quanto è importante il materiale per il tuo design?
Adoro lavorare con materiali diversi. Il materiale è molto importante, perché offre la possibilità di migliorare l’idea e fabbricare il prodotto reale. Ma, a mio avviso, l’idea dovrebbe venire prima e i materiali, come mezzo di realizzazione, dopo. È necessario che il progettista abbia familiarità con diversi materiali e tecnologie.

Shukhov-stoolis è uno sgabello facile da montare. Combina elementi in legno con falegnameria per la stampa 3D: unisci materiale vecchio e nuovo processo per un oggetto sostenibile. Puoi descrivere il lavoro e l'idea che ci sono alla base?
Shukhov-stoolis è un omaggio alla famosa torre dell’architetto russo Vladimir Shukhov. La torre Shukhov, costruita a Mosca nei primi anni Venti, è una struttura iperboloide costituita da una serie di sezioni iperboloidi accatastate l’una sull’altra per approssimare una forma conica complessiva. La torre è famosa per la sua struttura a diagriglia che le consente di sopportare grandi carichi. Abbiamo deciso di applicare lo stesso principio costruttivo a un oggetto di arredamento. Lo sgabello Shukhov è costituito da 24 elementi strutturali in legno fissati con giunti stampati in 3D. Può essere montato, smontato e appiattito più volte. Ci vogliono circa 10 minuti per montarlo.

Hai usato questo approccio anche per la lampada Hako: la base della lampada è creata da una scansione 3D di un pezzo di quercia e la parte superiore da una stampa 3D. Ma non è per le serie, ogni pezzo è diverso dagli altri. La distanza tra design e arte sembra sempre più breve. Cosa ne pensi?
Hako è un concetto di illuminazione che unisce natura e tecnologia. Si armonizzano tra loro all’interno del prodotto, creando un corpo illuminante singolare, intenso e potente. Nella cultura dei maestri falegnami giapponesi c’è la credenza secondo cui un pezzo grezzo dell’albero sia più divino ed elegante di qualsiasi pezzo di artigianato in legno creato dall’uomo. Ispirati da questa idea, abbiamo iniziato questo progetto con un vero pezzo di pino solido vecchio di un secolo, scansionato la sua superficie su uno scanner 3D e creato la parte superiore del dispositivo di illuminazione con una stampante 3D. Il mezzo per unire le due parti è stato realizzato secondo i principi dei carpentieri giapponesi – “groove-into-groove”, che consente di unire i pezzi senza colla o chiodi con la massima precisione. Uno dei tipici metodi comuni giapponesi per i “giunti ciechi” di questo tipo è chiamato Hako Tsugi, che ha dato il nome al progetto. Quando la luce è accesa, rivela un sottile gradiente di luce digitale dovuto alla tecnologia di stampa 3D, che consente all’osservatore di intravedere la struttura interna. Sugli scatti forniti dai dati 3D si può vedere la precisione e la complessità della superficie della corteccia da negativo a legno. Arrivando alla tua domanda… penso che in questo progetto ci sia molta arte, come riflessione intrecciata con la tecnologia moderna. Celebra la maestria dei carpentieri giapponesi e la natura in un pezzo unico. Spero che la società richieda sempre più progetti come Hako, come prodotti lungimiranti che sollecitano l'industria.

Hai vinto molti premi internazionali, tra cui anche il SaloneSatellite Moscow Award, questo in occasione della tua partecipazione al SaloneSatellite Moscow 2018. Sono stati rilevanti per la tua carriera? In quale modo?
In realtà, non posso dire che abbiano influenzato enormemente la mia carriera. Aiutano quando ti presenti al nuovo pubblico o ai nuovi clienti. E probabilmente ti rendono più noto nell’ambiente dei designer.

È possibile acquistare tutti i tuoi prodotti sul tuo sito web. Pensi che l’e-commerce sia un’opportunità per il tuo business o in generale per il business dei designer?
Penso che al giorno d’oggi l’e-commerce domini il mondo. I designer dovrebbero considerare l’e-commerce come una grande opportunità per promuovere il lavoro e la vendita. Ciò che è importante anche per i designer ora è conoscere il marketing ed essere pronti a promuovere il lavoro online e offline.

Hai studiato e vissuto a Milano per un anno: cosa ti ha lasciato questa città?
Da allora sono innamorata di Milano e dell’Italia. Vivere a Milano ha cambiato completamente la mia idea di design, è una città con enormi possibilità e offre una grande esperienza immersiva. Quando sono arrivata più di 10 anni fa dalla scuola tradizionale russa, Milano era, per me, come una Disneyland dei designer. E ancora adoro venire al Salone del Mobile e goderne la varietà delle proposte e la grandezza.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Ora mi concentro principalmente su progetti commerciali, i miei interessi vanno oltre la sola progettazione di prodotti o mobili. Curo la direzione artistica per grafica 2D, design di interni e mostre. Parlando di arredo, ho in corso collaborazioni con un paio di marchi. Ancora top secret.

In apertura: foto IrinaGavrilenko

#SaloneSatellite Moscow Award, #Mosca, #stampa 3D