30 marzo 2020

Setsu & Shinobu Ito

Milanesi d’adozione, ma entrambi laureati in Giappone: Setsu, presso l'Università di Tsukuba, Shinobu, alla Tama Art University di Tokyo. Setsu inizia a collaborare con Alessandro Mendini presso lo Studio Alchimia, e poi con Angelo Mangiarotti, mentre Shinobu inizia la sua carriera per la CBS Sony (Sony Music Entertainment) - Sony Creative Products conseguendo poi un Master alla Domus Academy di Milano, e impegnandosi successivamente in attività di design e marketing.
Complementari nella vita e nel lavoro, aprono il loro studio di design nel 1997 a Milano e, da allora, lavorano e svolgono un’attività di consulenza trasversale per clienti internazionali spaziando dal design di architettura a quello di interni e industriale, fino all’artigianalità, al packaging e all’elettronica. Attivi anche nella didattica, invitati come professori nelle scuole di design più importanti tra cui la Domus Academy di Milano, il Politecnico di Milano, l’IUAV di Venezia, lo IED di Milano e, in Giappone, la Tama Art University, l’Università di Tsukuba, l’Università di Tokyo.

Il loro tratto distintivo è il connubio tra la cultura orientale d’origine e quella occidentale acquisita negli anni che dà vita a forme fluide e flessibili.

La vostra esperienza progettuale è vastissima: dall'architettura, all’interior, al product e industrial design, al packaging, alla grafica, al marketing, all’insegnamento. Come vi piace definirvi? Che cosa vi sentite di più?
La parola design è diventata una parola utilizzata per tutti gli aspetti della società e le aree in cui il design deve essere applicato si stanno espandendo di anno in anno. Abbiamo lavorato su una vasta gamma di progetti, non a causa di queste prospettive, ma a causa delle nostre radici. È il vecchio modo di pensare italiano la “Progettazione”, in cui i designer lavorano su tutti i temi ed escogitano soluzioni. Ci definiamo designer totali. Penso che il ruolo del designer globale aumenterà nel futuro in una società così complessa.

Siete entrambi giapponesi ma milanesi d’adozione. Come e quando avete scelto Milano per vivere e lavorare? O è stato un caso?
Naturalmente non è casuale. Setsu fu influenzato dal padre, uno scultore, che a sua volta fu fortemente attratto dall'Italia fin dalla sua infanzia, e da un giovane professore italiano che incontrò durante i suoi anni in università. Shinobu è stata invece influenzata molto dal design postmoderno italiano negli anni '80, quando era in università. Milano, l’Italia, hanno un'atmosfera di design, che va oltre ciò che il Giappone ha da offrire e regalano il piacere di provare sempre cose nuove, con l'innovazione che ha la precedenza sul commercio.

Cultura nipponica e cultura italiana. Oriente e Occidente. Come si mescolano nel vostro lavoro? Quando prevale l’una e quando l’altra?
Entrambe sono meravigliose ed è un piacere progettare e vivere provandole entrambe. Le due non combattono l'una contro l'altra. La cultura orientale può essere descritta come una cultura concentrata sulla natura, mentre l'altra è concentrata sulle persone. Anche in Oriente, la cultura giapponese è intesa come una cultura che si integra alla natura e che considera l'armonia tra natura e scienza. D'altra parte, tra le culture occidentali, quella italiana è una cultura che ha perseguito a fondo l'essenza dell'umanità, compresi i suoi punti deboli, perché è l'origine della cultura centrata sull'Uomo. Osservando le due culture, sembrano essere in armonia e fondersi insieme. Proiettandole in una visione futura dove immagino esisterà un’armonia con l'ambiente naturale e un’armonia della società umana, le due culture diventeranno importanti insieme e sento che così creeremo un valore più forte.

In Giappone la cultura architettonica ci ha abituato ad abitazioni che non sono mai uguali a se stesse ma flessibili. In molti vostri lavori, anche in prodotti come il divano Au ad esempio, ciò emerge chiaramente. Come si traduce nel vostro lavoro questa elasticità?
Essere interattivi e cambiare è un grande valore del design di oggi. Il design delle interazioni non si limita al design dei dispositivi elettronici. Il significato di mobili e accessori, che non si muovono o cambiano, cambierà a seconda del rapporto tra le persone e dei luoghi coinvolti. A causa della natura del legno, i muri sono una partizione temporanea nella cultura architettonica giapponese basata su colonne e strutture a telaio e la funzione e le dimensioni dello spazio possono variare di volta in volta. Uno degli indicatori più importanti nel nostro progetto è un design che consente all'utente di cambiare forme ed espressioni.

Una volta avete detto che la bellezza calligrafica degli ideogrammi giapponesi non è la loro simmetria ma il loro equilibrio. Sembra proprio che voi abbiate applicato questa affermazione al design.
L'equilibrio tra bellezza simmetrica e asimmetrica è importante. La bellezza della cultura giapponese è la bellezza asimmetrica della calligrafia e della Villa Imperiale di Katsura. Realizziamo progetti che mirano alla bellezza della simmetria, ma quando facciamo disegni asimmetrici, puntiamo a un design squisitamente equilibrato che sia energico.

Carta e pietra, due materiali simbolici della cultura orientale e occidentale. Nella vostra produzione ci sono sia pezzi in cartone pressato, con trattamento impermeabilizzante per aumentare la durata del pezzo e renderlo più versatile, sia in pietra di scarto. Come vi ponete rispetto alla tematica della sostenibilità.
È utile confrontare le culture orientali e occidentali confrontando due materiali naturali: carta, leggera e bidimensionale e pietra, pesante e tridimensionale. A volte usiamo il paradosso di carta solida, pesante e pietre leggere. Siamo interessati a carta, legno, metallo, vetro, pietra e, praticamente, a tutti i materiali naturali. Più specificamente, siamo interessati a come utilizzare tutti i materiali naturali come materiali sostenibili. L'importante compito del design di domani è quello di purificare i materiali naturali che vengono scartati e utilizzarli come materiali di scarto rigenerati secondari, attraverso la scienza e la tecnologia per trasformarli in splendidi prodotti di design.

In questi anni di lavoro avete elaborato cinque concetti specifici. Space Rhythm / concetto per spazio, Senscape / concetto per tattile, Emotional Island / concetto per rapporto, Unconscious Poliedro / concetto per effetto incosciente, e Leaf Solid / concetto per materialità. Potrebbe spiegarceli brevemente?
Questi concetti sono i cinque indici che abbiamo trovato in molti anni di studi comparativi tra est e ovest sul design e sono analoghi alle cinque dita del creatore. Il primo dito, "Space Rhythm / Microcosm", esprime l'idea che l'universo e la natura sono intorno a noi e che tu ne fai parte. Il concetto di design è quello di sentire il ritmo dell'universo e della natura attraverso lo spazio, dai mobili agli accessori che progetti. Il secondo dito, "Sensescape / Earth/ tattile", è un concetto derivato dalla cultura giapponese di togliersi le scarpe e sedersi direttamente sul pavimento. Dal momento che siamo nati dalla terra e cresciuti dalla benedizione della terra, questo concetto enfatizza il desiderio di toccare sempre la terra, il desiderio di unire è l'importanza della sensazione tattile. Il terzo dito, "Emotional Island / rapporto", è un concetto di design in cui "Sukiya" = "spazio vuoto" dell'architettura giapponese, come menzionato sopra, crea vari cambiamenti, tempi e luoghi a seconda della necessità. Il quarto dito "Unconscious Polyedro / Hidden / inconsciente". Rispetto al concetto occidentale di spazio, che separa l'esterno e l'interno, “visibile o nascosto'', con varie aree intermedie di tessitura come schermi pieghevoli giapponesi, schermi sospesi, buona volontà, porte scorrevoli, portici e soglie. Questo è un concetto che fonde il concetto multidimensionale di spazio con la bellezza della modellazione multidimensionale e complessa che si trova in natura. Il quinto dito, "Leaf Solid / materialità", è un concetto che mostra il processo da superficie a solido rappresentato dall’origami giapponese, basato sul confronto tra carta e pietre orientali/occidentali. Il design che mostra il processo opposto dall'ovest: punto → linea → faccia → modulo esprime la bellezza artistica giapponese.

Come immaginate il design fra 50 anni?
Lo stile del design si ripeterà, ma la domanda di design diventerà sempre più diversificata, con il design applicato ad altre situazioni, oltre allo spazio e agli arredi. Mentre tutti vengono a parlare di design, penso che le competenze di progettazione totale e la flessibilità dei designer professionisti diventeranno sempre più importanti. Assomiglierà al Design Italiano nel passato di 50 anni fa, anzi 500 anni fa (da ridere).

#Setsu & Shinobu Ito, #Giappone, #design, #interior design, #industrial design, #sostenibilità