Nati al Satellite

14 gennaio 2019

Truly Truly

Truly Truly dal 2013 a Rotterdam, sono gli australiani Joel e Kate Boody che non si stancano di sperimentare con il tessile e con i materiali. Cercano forme nuove e nuovi modi di abitare. Con oggetti inediti che sanno come farti compagnia nel quotidiano, con una particolare grazia silenziosa e, spesso, colorata.

Il vostro lavoro è al confine tra industria e arte, piccole e grandi serie. I risultati sono sempre oggetti bellissimi che suggeriscono un uso e un consumo migliore degli oggetti. Dobbiamo aver cura delle nostre cose contro il consumismo e cercare di salvare il nostro pianeta. Potrebbe essere questo il linguaggio futuro degli oggetti?
Con tutto il nostro lavoro, cerchiamo le opportunità per conquistare le qualità speciali inerenti al materiale, alla forma e al colore. Realizzando oggetti speciali, speriamo che siano apprezzati e resistano alla prova del tempo. Dove possibile prendiamo decisioni che possono fare la differenza per l’ambiente e il futuro. Il nostro divano IKEA PS ne è un esempio. Invece di creare un divano con la schiuma incollata su MDF, abbiamo scelto di separare tutte le parti e utilizzare materiali che hanno un’altra vita. Questo ha permesso di utilizzare cuscini ordinari per la seduta del divano. Significa anche che il divano è realizzato con materiali totalmente riciclabili. Qualcosa che è molto meno fattibile quando tutto è incollato insieme.

Oggi "design" non è solo una parola usata per spiegare la progettazione del prodotto o il design industriale, ma spiega anche un processo, un atteggiamento da applicare in diversi campi. Qual è il significato che voi date al “design”?
Per noi, il design è molto sfaccettato. Consideriamo molti aspetti nel progetto: estetica, funzione, esperienza, tattilità, materialità, qualità. Siamo molto sensibili a tutti questi dettagli che lavorano insieme nella composizione per creare un pezzo finito. Forse si potrebbe dire che questa sensibilità è l'approccio generale che applichiamo spesso, in campi diversi, come l’interior, installazioni, oggetti e immagini.

Oggetti, mobili, tappeti, tessuti, installazioni: il vostro universo progettuale è molto stimolante e profondo. Cosa vi piace fare e come vi avvicinate a progetti così diversi?
Qualsiasi domanda di design è potenzialmente interessante per noi. Osserviamo le possibilità per trovare "Dove possiamo introdurre qualcosa di speciale in questo?", "Quando prende vita?". E, naturalmente, lo facciamo attraverso un attento equilibrio di tutti gli elementi che contribuiscono e dei fattori contestuali, menzionati prima. Soprattutto, il risultato dovrebbe essere fedele a ciò che afferma. Questo è il nostro obiettivo costante.

In primo luogo siete grafici, quali strumenti di progettazione utilizzate?
Tutto ciò che fai in un progetto comunica qualcosa, questo è lo strumento principale che abbiamo preso dalla progettazione grafica. Con la grafica abbiamo bilanciato consapevolmente colore, forma, superficie, immagini per comunicare un sentimento, uno stato d’animo o un messaggio. Nei nostri oggetti o spazi, facciamo lo stesso ma con più dimensioni. In definitiva, il risultato comunicherà sempre all’utente qualcosa su se stesso.

Progetterete l'installazione principale della fiera del mobile di Colonia per l’annuale Das Haus. Potete anticiparci la linea guida e l’ispirazione del vostro progetto?
Quando siamo stati invitati a progettare la nostra visione di una casa contemporanea, abbiamo discusso molto su come le persone vivono in modo fluido. Non sono più stanze strettamente utilizzate per singole funzioni. Invece le persone lavorano o si intrattengono liberamente in vari spazi della casa. Per riflettere questo, abbiamo diviso lo spazio in diversi stati d’animo atmosferici piuttosto che in funzioni. Gli stati d’animo sono attivi, sereni, solitari e distesi. L’idea è che puoi scegliere dove si svolge un’attività a seconda dell’umore. Un altro obiettivo era creare uno spazio con il calore della materialità. Abbiamo deciso di bilanciare la tattilità naturale con l’astrazione a volte affiancandole. Sebbene lo spazio sarebbe stato per certi versi inatteso, per noi era importante che fosse invitante, un luogo in cui rallentare e passare il tempo.

Nel 2017 avete partecipato al SaloneSatellite. Cosa vi ha lasciato questa esperienza?
Ci ha dato la possibilità di condividere la nostra visione del design con un pubblico ampio e interessato. Che ha incluso brand, architetti d’interni e persone. Abbiamo acquisito molte informazioni dalla possibilità di parlare a tutti questi gruppi diversi e di comprendere i loro vari interessi e prospettive riguardo al design. Inoltre, abbiamo incontrato alcuni produttori specifici con cui abbiamo completato i progetti. Abbiamo progettato il sistema di illuminazione Typography per l’azienda di illuminazione australiana, Rakumba; e l’azienda italiana di mobili Tacchini ora produce i nostri tavolini Daze.

www.studiotrulytruly.com

#Truly Truly, #SaloneSatellite, #Joel Boody, #Kate Boody, #tessile, #nuovi materiali, #sostenibilità, #interior, #furniture design, #installazione, #grafica, #Das House, #IMM Colonia